Certficazioni Linguistiche e Informatiche

Area Sanitaria

Sicurezza sul Lavoro

HACCP

Socio Educativi

Commercio

Certficazioni Linguistiche e Informatiche

Area Sanitaria

Sicurezza sul Lavoro

HACCP

Socio Educativi

Commercio

TECNICO RBT

Il tuo titolo va qui

Your content goes here. Edit or remove this text inline or in the module Content settings. You can also style every aspect of this content in the module Design settings and even apply custom CSS to this text in the module Advanced settings.

• DESCRIZIONE

Corso di Formazione per la figura professionale di “Tecnico comportamentale ABA (Applied Behaviour Analysis) certificato RBT™ per l’autismo ed i disturbi del comportamento in età evolutiva”.

Il Corso si propone di:

  • Fornire e divulgare gli strumenti teorici e pratici base necessari per attuare un intervento educativo per bambini con autismo e disabilità correlate, attraverso l’ABA (analisi comportamentale applicata), riconosciuta a livello internazionale, come elettiva nell’intervento per soggetti con autismo ma, che in Italia, è ancora poco conosciuta nei suoi aspetti sia teorici che pratici;
  • Acquisire competenze pratiche nel settore dell’Analisi del Comportamento formando Tecnici del Comportamento qualificati in grado di applicare, con metodologie corrette, interventi basati sull’Analisi Comportamentale Applicata (ABA) attraverso la supervisione di un BCBA, nell’ambito di servizi ambulatoriali ed in strutture diurne o residenziali sanitarie o socio sanitarie, in realtà scolastiche o domiciliari.

Tutto questo avviene attraverso l’uso di tecniche di animazione, gioco, educazione che aiutano l’operatore a relazionarsi con tutti i diversi casi del tessuto sociale e che consentono agli ospiti di servizi residenziali, centri diurni socio – educativi, case di riposo, comunità per minori, di sentirsi supportati durante tutte le attività di socializzazione ed integrazione. In stretta collaborazione con altre figure professionali, l’Animatore Sociale stimola, motiva e favorisce la partecipazione dei singoli e dei gruppi a tutte le dinamiche e le relazioni interpersonali; osserva, rileva e registra dinamiche comportamentali e criticità latenti, individuali e di gruppo; svolge attività finalizzate allo sviluppo delle potenzialità delle persone, promuovendone l’inserimento sociale.

• CONTESTI OPERATIVI

Il Corso è rivolto a professionisti del mondo sanitario e non.

In base alla Task List RBT per la credenziale RBT alla quale il corso prelude l’accesso, viene consigliato il possesso dei seguenti requisiti di idoneità (oltre al completamento del programma di formazione di 40 ore condotto dal certificant BACB):

  • Compimento del 18° anno di età
  • Possesso di un diploma di scuola superiore o equivalente/superiore

Si rivolge in modo privilegiato a tutti coloro che hanno conseguito, o che stanno per conseguire, il Diploma di laurea triennale in Psicologia, Pedagogia, Scienze dell’educazione, Scienze della Formazione, Scienze del Servizio Sociale, Medicina e altri titoli equipollenti (Psicologi, Psicoterapeuti, Logopedisti, Educatori, Terapisti, Psicomotricisti, Operatori Sanitari, Assistenti Sociali e altre figure professionali assimilabili).

Possono inoltre partecipare insegnanti, genitori, assistenti all’autonomia e alla comunicazione e altri professionisti affini, in quanto è utile per tutti coloro che vogliano approcciarsi all’autismo e all’analisi del comportamento, per quanti desiderano ricevere una formazione di base ricca e completa sull’analisi del comportamento applicata, nonché per chi voglia essere riconosciuto e certificato come Tecnico del comportamento, accreditandosi agli occhi delle famiglie come professionista qualificato, in linea con gli standard internazionali della maggiore associazione mondiale che si occupa di ABA).

• DETTAGLI

Il corso avrà una durata complessiva di 40 ore e sarà fornito indipendentemente dal BACB®.

Le ore di frequenza saranno distribuite in 5 giornate di 8 ore ciascuna, secondo i seguenti orari di frequenza delle sessioni formative.

La formazione sarà erogata mediante contenuti riportati nel Programma del Corso, che costituisce parte integrante del presente documento ed è basato sulla Task List dei Registered Behavior Technician, sviluppata dal BACB, Behavior Analyst Certification Board®.

Al termine del corso, verranno rilasciate le seguenti attestazioni e certificazioni:

  • L’attestato di frequenza al Corso verrà rilasciato a tutti coloro che avranno frequentato l’80% delle lezioni previste, che è utile anche ai fini dell’aggiornamento professionale;
  • La certificazione finale per sostenere gli esami per RBT o Tecnico del Comportamento Certificato verrà rilasciata a tutti coloro che avranno frequentato il 100% delle lezioni previste e che avranno superato la valutazione finale (l’assessment delle competenze) che sarà integrativamente proposta dal docente del corso stesso BCBA;

TUTOR DSA

Il tuo titolo va qui

Your content goes here. Edit or remove this text inline or in the module Content settings. You can also style every aspect of this content in the module Design settings and even apply custom CSS to this text in the module Advanced settings.

• DESCRIZIONE

Nell’ambito dei progetti di intervento in favore di bambini e ragazzi con Disturbo Specifico dell’Apprendimento (DSA), è sempre più frequentemente prevista la figura di un tutor dell’apprendimento per studenti DSA. Il tutor dell’apprendimento è un operatore qualificato ad operare con studenti con DSA e BES, svolgendo il ruolo di facilitatore e guida per i processi di apprendimento, di promotore dell’autonomia e di mediatore nei rapporti famiglia-scuola. Il tutor può operare nei contesti scolastici ed extra-scolastici, svolgendo attività di “doposcuola specialistici” con alunni di scuola primaria e secondaria di primo e di secondo grado. Il Corso tratterà i seguenti argomenti: i processi di lettura, scrittura calcolo e comprensione del testo; l’attenzione e la memoria di lavoro; le metodologie didattiche e l’uso consapevole delle strategie degli strumenti compensativi; gli aspetti emotivi, motivazionali e relazionali dell’apprendimento.

• CONTESTI OPERATIVI

Destinatari

Il percorso di formazione per TUTOR DSA è pensato per tutte quelle figure professionali che affiancheranno bambini e ragazzi con difficoltà/disturbi specifici di apprendimento, e le loro famiglie, nel contesto domiciliare e scolastico. Il modello didattico-operativo proposto è focalizzato all’acquisizione di tutte le strategie e metodologie necessarie al supporto didattico-curriculare di ogni grado scolastico. In particolare, il corso è rivolto a educatori professionisti, psicologi, pedagogisti, medici, insegnanti, logopedisti, terapisti della neuro e psicomotricità dell’età evolutiva, terapisti occupazionali e tecnici della riabilitazione

• DETTAGLI

Acquisizione di competenze

L’obiettivo del Corso è quello di formare, in maniera altamente qualificata, figure professionali con competenze nell’assistenza allo studio, nell’aiuto compiti e nei processi educativi speciali. L’attività professionale del Tutor DSA è prevalentemente rivolta a bambini e ragazzi (di età compresa fra i 6 anni e i 16 anni) con difficoltà di apprendimento o disturbi specifici dell’apprendimento. Il Corso per Tutor DSA si prefigge quindi di fare acquisire ai corsisti conoscenze e competenze pratiche per:

  • sviluppare un efficace metodo di studio
  • pianificare specifiche metodologie di apprendimento
  • utilizzare le tecnologie di ausilio all’apprendimento (libri digitali, software, etc.)
  • creare dei doposcuola specialistici sui DSA
  • saper leggere una diagnosi e un Piano Didattico Personalizzato (PDP)
  • saper dialogare con la scuola, la famiglia e i diversi professionisti
  • usare correttamente e consapevole delle strategie e degli strumenti compensativi
  • usare le metodologie didattiche più funzionali nei casi di DSA
  • valutare gli aspetti emotivi, motivazionali e relazionali dei DSA
  • progettare ed attuare attività di potenziamento dei prerequisiti dell’apprendimento
  • utilizzare le strategie metacognitive
  • intervenire nei casi di dislessia, disgrafia, discalculia
  • intervenire nei casi di disturbo di comprensione del testo
  • intervenire nei casi di disturbo di risoluzione dei problemi aritmetici
  • intervenire nei casi di disturbo non verbale.

Durante il corso verranno fornite ai discenti dispense e riferimenti bibliografici in relazione alle lezioni svolte. Gran parte del materiale didattico sarà in formato digitale (word, pdf e ppt). I discenti utilizzeranno sin da subito, per le esercitazioni e la didattica, materiale fornito dall’Ente e saranno discussi in gruppo casi clinici reali.

ANIMATORE SOCIALE

Il tuo titolo va qui

Your content goes here. Edit or remove this text inline or in the module Content settings. You can also style every aspect of this content in the module Design settings and even apply custom CSS to this text in the module Advanced settings.

• DESCRIZIONE

L’Animatore Sociale è una figura fondamentale che opera a contatto con disabili, anziani, minori problematici, persone con disagio psichiatrico ed altri soggetti in situazione di svantaggio, cercando di stimolare la loro integrazione e partecipazione sociale. L’obiettivo dell’Animatore Sociale è quello di raggiungere la persona nel suo contesto sociale, coinvolgerla e renderla protagonista, affinchè possa esprimere le sue capacità e attitudini e tutto il suo ambiente vitale ne risulti rigenerato. 

Tutto questo avviene attraverso l’uso di tecniche di animazione, gioco, educazione che aiutano l’operatore a relazionarsi con tutti i diversi casi del tessuto sociale e che consentono agli ospiti di servizi residenziali, centri diurni socio – educativi, case di riposo, comunità per minori, di sentirsi supportati durante tutte le attività di socializzazione ed integrazione. In stretta collaborazione con altre figure professionali, l’Animatore Sociale stimola, motiva e favorisce la partecipazione dei singoli e dei gruppi a tutte le dinamiche e le relazioni interpersonali; osserva, rileva e registra dinamiche comportamentali e criticità latenti, individuali e di gruppo; svolge attività finalizzate allo sviluppo delle potenzialità delle persone, promuovendone l’inserimento sociale.

• CONTESTI OPERATIVI

– Area socio-culturale, all’interno di progetti e servizi di carattere culturale, espressivo, comunicativo;
– Area socio-educativa, all’interno di progetti e servizi di carattere educativo, espressivo, ludico;
– Area assistenziale e sanitaria, all’interno di servizi residenziali e semi-residenziali e nell’ambito di progetti di prevenzione, cura, riabilitazione ed assistenza.

• DETTAGLI

Competenze

Principali tipologie di utenza e problematiche di servizio.
Tecniche comunicative e relazionali in rapporto alle diverse condizioni di malattia/disagio e dipendenza, con particolare riferimento alle situazioni di demenza.
Strumenti informativi per la registrazione e/o trasmissione di dati.
Tecniche e protocolli di intervento e di primo soccorso.
Strumenti e tecniche per l’alzata, il trasferimento, la deambulazione.
Strumenti e tecniche per l’igiene personale e la vestizione.
Strumenti e tecniche per l’assistenza nell’assunzione dei cibi.
Principali protocolli e piani di assistenza, anche individualizzati, e loro utilizzo
Caratteristiche e sintomi rilevanti delle principali patologie fisiche e neurologiche Principi di base della dietoterapia ed igiene degli alimenti.
Tecniche di igiene e sicurezza negli ambienti di vita e di cura dell’assistito
Procedure igienico-sanitarie per la composizione e il trasporto della persona in caso di decesso Tecniche e procedure per la sterilizzazione e decontaminazione degli strumentari e dei presidi sanitari.
Principali riferimenti legislativi e normativi per l’attività di cura e di assistenza.
Principali tecniche di animazione individuale e di gruppo.
La sicurezza sul lavoro: principi generali, aspetti applicativi, regole e modalità di comportamento.

Requisiti di ingresso

Diploma di scuola superiore

Programma

– Animazione sociale, educativa e ludico culturale
– Partecipazione alla progettazione e realizzazione di interventi di prevenzione e contrasto del disagio sociale
– Gestione di situazioni di emergenza individuali e collettive
– Elementi di psicologia sociale e di comunità
– Elementi di sociologia, di geriatria e di pedagogia
– Elementi di metodologia e tecnica della ricerca sociale
– Metodi e tecniche del lavoro in equipe
– Organizzazione di giochi ed attività ricreative
– Organizzazione di laboratori manuali, multimediali e di animazione musicale
– Sicurezza sul lavoro
– Attività esperenziali (roleplaying)
– Esercitazioni nozionistiche (test, quiz)
– Esercitazioni cognitive (casi/studio, simulazioni)
– Tirocinio 

Scheda del Corso

EDUCATORE PER L'INFANZIA

Il tuo titolo va qui

Your content goes here. Edit or remove this text inline or in the module Content settings. You can also style every aspect of this content in the module Design settings and even apply custom CSS to this text in the module Advanced settings.

• DESCRIZIONE

L’educatore per l’infanzia è un educatore che, in possesso di adeguata preparazione culturale e professionale, è in grado di accudire e accompagnare i bambini nella fase del loro sviluppo cognitivo. 

Le competenze che ricevono i nostri allievi, attraverso il nostro percorso formativo totalmente rinnovato, li renderanno in grado di progettare e realizzare attività ricreative e di animazione volte alla socializzazione del bambino e alla sua crescita sociale e cognitiva. L’educatore per l’infanzia, sarà in grado di confrontarsi con genitori, insegnanti e figure professionali che fanno parte della vita del bambino affinché esso sviluppi le proprie potenzialità espressive, creative che lo rendono in grado di diventare autonomo nelle varie fasi della sua crescita.

• CONTESTI OPERATIVI

L’attività dell’educatore per l’infanzia si esplica all’interno di strutture residenziali e semiresidenziali presenti sul territorio (asili nido, scuole materne, scuole elementari, centri doposcuola, centri per l’affido e l’adozione, comunità alloggio, case famiglia, centri vacanze, ludoteche, centri socio-educativi diurni, mini club in villaggi turistici e navi da crociera, associazioni e cooperative per l’ infanzia, oratori religiosi, reparti ospedalieri pediatrici, associazioni di clownterapia ), relazionandosi con famiglie e scuole.

    • DETTAGLI

    Competenze di base

    L’educatore per l’ infanzia conosce:
    – legislazione nazionale e regionale sull’assistenza sociale
    – contratto di lavoro e principali normative regolanti il rapporto di lavoro
    – nozioni di pronto intervento
    – rete dei servizi territoriali e figure professionali coinvolte nella cura del bambino
    – organizzazione dei servizi socio assistenziali
    – diritti e doveri della persona assistita

    Competenze tecnico-professionali

    L’educatore per l’ infanzia è in grado di:
    – analizzare i bisogni e le situazioni di rischio del bambino
    – analizzare le risorse attivabili
    – svolgere attività volta all’educazione alla salute
    – svolgere attività socio-educative: accoglienza e animazione
    – applicare metodi di ricerca sociale
    – svolgere attività per l’apprendimento dell’ informatica e matematica

    Competenze trasversali

    L’educatore per l’ infanzia è in grado di:
    – ascoltare
    – utilizzare la comunicazione nella relazione di aiuto
    – riconoscere e utilizzare sistemi di comunicazione e di relazione appropriati
    – decodificare correttamente i messaggi verbali e non verbali, riconoscendone il contenuto comunicativo

    Requisiti di ingresso

    – compimento del 18° anno di età
    – completamento del 2°ciclo di istruzione (scuola media superiore)

    Scheda del Corso

    ASSISTENTE FAMILIARE

    Il tuo titolo va qui

    Your content goes here. Edit or remove this text inline or in the module Content settings. You can also style every aspect of this content in the module Design settings and even apply custom CSS to this text in the module Advanced settings.

    • DESCRIZIONE

    L’intervento formativo viene svolto in completa attuazione del D.G.R. n.2843 del 08/11/03. La figura professionale dell’assistente familiare si inscrive nel panorama dei soggetti al servizio delle persone con problemi quali anziani e disabili. Il suo ruolo, dunque, consiste nel facilitare lo svolgimento, da parte di tali persone, delle attività quotidiane normalmente svolte, durante le quali l’assistente familiare coopera con esse: pulizia e igiene della casa, pulizia e igiene della persona, preparazione e somministrazione dei pasti, sorveglianza e compagnia. L’assistente familiare accudisce e cura la persona riconoscendone bisogni espressi e inespressi, svolgendo la sua attività in contesti prevalentemente familiari. 

    Sbocchi Occupazionali

    L’assistente familiare può trovare occupazione presso cooperative o lavorando part time e/o full time presso famiglie. 

    Destinatari

    Requisiti di accesso al corso sono: Compimento del 18°esimo anno di età Assolvimento dell’obbligo scolastico

    Attestato Finale

    Al termine del corso con esame, il formato conseguirà un attestato di qualifica professionale riconosciuto dalla Regione Campania ai sensi della legge n. 845/78 art. 14.

    • CONTESTI OPERATIVI

    – Area socio-culturale, all’interno di progetti e servizi di carattere culturale, espressivo, comunicativo;
    – Area socio-educativa, all’interno di progetti e servizi di carattere educativo, espressivo, ludico;
    – Area assistenziale e sanitaria, all’interno di servizi residenziali e semi-residenziali e nell’ambito di progetti di prevenzione, cura, riabilitazione ed assistenza.

     

    • DETTAGLI

    Programma

    – La figura dell’assistente familiare
    – L’etica e l’organizzazione della professione
    – Cura e pulizia della casa
    – Cucina
    – Office della casa
    – Lavanderia e stireria
    – Cura e assistenza dell’anziano
    – Cura e assistenza del bambino 

     

    MEDIATORE FAMILIARE

    Il tuo titolo va qui

    Your content goes here. Edit or remove this text inline or in the module Content settings. You can also style every aspect of this content in the module Design settings and even apply custom CSS to this text in the module Advanced settings.

    • DESCRIZIONE

    Il corso di formazione professionale di Mediatore familiare intende formare l’operatore in modo adeguato per la comprensione sul piano psicologico, del conflitto coniugale e familiare. Il Mediatore familiare ha capacità di promuovere nei partner/genitori le risorse, le competenze, la motivazione al dialogo e a prevenire il disagio dei minori. 

    Più precisamente, il mediatore familiare con le competenze acquisite grazie al corso di formazione professionale aiuta la coppia: a rimuovere le difficoltà legate ad una comunicazione troppo esasperata e conflittuale; a creare uno spazio di incontro e di dialogo con il partner; a trovare accordi concreti, costruttivi e personalizzati, ampliando la gamma delle possibili soluzioni; a riorganizzare le relazioni familiari, tenendo conto dei bisogni psicologici dei figli.

    • CONTESTI OPERATIVI

    Il mediatore familiare svolge la propria attività professionale in: enti pubblici privato sociale libera professione.

    • DETTAGLI

    Requisiti di ingresso

    Diploma riconosciuto di assistente sociale o Diploma di laurea (psicologia, sociologia, giurisprudenza, neuropsichiatria infantile, psichiatria, scienze dell’educazione e della formazione, scienze del servizio sociale)

    Programma

    – Area tecnico-professionale
    – Area istituzionale e legislativa
    – Area sociale e psicologica
    – Area comunicazione
    – Stage 

     

    MEDIATORE CULTURALE

    Il tuo titolo va qui

    Your content goes here. Edit or remove this text inline or in the module Content settings. You can also style every aspect of this content in the module Design settings and even apply custom CSS to this text in the module Advanced settings.

    • DESCRIZIONE

    Il corso di formazione professionale di Mediatore Culturale forma l’operatore in grado di svolgere la funzione di mediazione linguistica e soprattutto di orientamento culturale. Il suo compito è quello di decodificare valori, modi di pensare e di interpretare il mondo, comportamenti e stili di vita, pratiche religiose. 

    Il mediatore interculturale utilizza le proprie conoscenze linguistiche e culturali e la propria capacità relazionale ed empatica per meglio interpretare ed esprimere le caratteristiche e i bisogni degli stranieri: si pone da “ponte” tra gli immigrati stranieri e i servizi e/o popolazione del Paese di accoglienza.

    • CONTESTI OPERATIVI

    Il mediatore culturale svolge la propria attività professionale in: enti pubblici privato sociale libera professione.

    • DETTAGLI

    Requisiti di ingresso

    Diploma di scuola superiore

    Programma

    – Area tecnico-professionale
    – Area istituzionale e legislativa
    – Area linguistica
    – Area socio-psico-pedagogica e didattica
    – Area socio – sanitaria
    – Area statistica e informatica
    – Stage

    MEDIATORE PENALE MINORILE

    Il tuo titolo va qui

    Your content goes here. Edit or remove this text inline or in the module Content settings. You can also style every aspect of this content in the module Design settings and even apply custom CSS to this text in the module Advanced settings.

    • DESCRIZIONE

    La mediazione è un percorso relazionale tra due o più persone per la risoluzione di conflitti che si caratterizzano per la natura sociale, culturale, penale. In quest’ultimo campo il conflitto si configura come reato. Nella mediazione penale minorile, l’asimmetria delle parti, vittima e reo, costituisce un fattore specifico che richiede particolari cautele e tutele a protezione dei soggetti ed una diversificazione degli obiettivi della mediazione: questi devono essere chiariti dal mediatore agli interessati per permettere un incontro e una comunicazione efficace tra le parti. Per la vittima, che nel processo penale minorile non può costituirsi come parte civile (art.10 del D.P.R. 448/88), la mediazione consente di esprimere in un contesto protetto il proprio vissuto personale rispetto all’offesa subìta, di uscire da un ruolo passivo dando voce e visibilità alla propria identità personale. 

    Al minore – autore del reato, la mediazione permette una responsabilizzazione sul danno causato e sulle possibilità di riparazione: la riservatezza dell’incontro e la separazione dal procedimento penale favorisce l’emersione dei contenuti emotivi legati agli eventi in un contesto relazionale protetto. Il mediatore/i ha un ruolo neutrale, non direttivo, di facilitatore della comunicazione oltre che di garante delle regole di interazione verbale che all’inizio dell’incontro di mediazione vengono prioritariamente esplicitate, condivise ed accolte dalle parti. L’esito del percorso di mediazione penale si configura come positivo o negativo e viene comunicato al giudice dal mediatore, senza riferire motivazioni specifiche data la riservatezza dell’incontro. Per esito positivo s’intende una ricomposizione o significativa riduzione del conflitto: in tal caso si prevede la possibilità di definire accordi di riparazione riguardanti interventi diretti alla vittima, compreso il risarcimento, o attraverso lo svolgimento di attività di utilità sociale. Tale opportunità consente, prescindendo dal giudizio penale, una riparazione delle conseguenze del reato con una diretta valenza restitutiva per la vittima ed educativa per l’autore del reato. 

    Le prime iniziative in materia di mediazione penale minorile sono state avviate a Torino nel 1995 ed hanno poi interessato numerose altre sedi quali Milano, Bari, Trento. Le sperimentazioni si caratterizzano per il carattere interistituzionale che le contraddistingue, infatti, riguardando la vittima e l’autore del reato, coinvolgono conseguentemente il sistema penale e quello sociale. Il modello organizzativo prevalente è costituito da un organismo, denominato “ufficio” o “centro per la mediazione penale”, con sede autonoma rispetto al tribunale per i minorenni, con il quale collaborano operatori dei servizi minorili della giustizia e dei servizi territoriali sociali e sanitari, esperti e volontari. In attesa della determinazione del relativo profilo professionale, il ruolo di mediatore viene esercitato da operatori che avendo una formazione personale di carattere pedagogico, sociale o psicologico, abbiano partecipato a corsi di formazione specifici per l’attività di mediazione penale svolti da agenzie formative competenti in materia. Nelle sperimentazioni attuate, i corsi hanno rappresentato la fase preliminare all’avvio dell’attività di mediazione vera e propria ed hanno coinvolto operatori dipendenti dalla giustizia minorile, dalla regione e dal comune di riferimento, oltre che personale volontario. 

    Per disciplinare le modalità di collaborazione e gli impegni assunti dalle diverse amministrazioni, sono stati siglati numerosi protocolli d’intesa con la firma o l’assenso del Presidente del tribunale per i minorenni e del Procuratore della Repubblica presso il tribunale per i minorenni, competenti per quel distretto di Corte d’Appello.

    • DETTAGLI

    Programma

    – Introduzione alla mediazione
    – Teoria e tecniche della comunicazione e delle relazioni
    – Elementi di psicologia dell’età adolescenziale
    – Disagio sociale, devianza e microcriminalità
    – Reati minorili e criminalità organizzata
    – Le fonti normative del sistema penale minorile
    – Il tribunale per i minorenni
    – I servizi territoriali
    – La mediazione penale minorile
    – Modalità e tecniche di mediazione penale minorile
    – Prova di valutazione finale 

    Scheda del Corso

    OPERATORE ALL'ASSISTENZA EDUCATIVA AI DISABILI

    Il tuo titolo va qui

    Your content goes here. Edit or remove this text inline or in the module Content settings. You can also style every aspect of this content in the module Design settings and even apply custom CSS to this text in the module Advanced settings.

    • DESCRIZIONE

    L’operatore dell’assistenza educativa ai disabili è una figura professionale che ha il compito di fornire assistenza specialistica, non diretta solo agli studenti con disabilità di comunicazione ma a tutte le tipologie di disabilità. In stretta collaborazione con l’insegnante di sostegno e con i docenti curriculari, per il raggiungimento degli obiettivi educativi e didattici, l’assistente è un operatore che facilita la comunicazione dello studente e la sua attività di relazione, stimola lo sviluppo delle abilità nelle diverse dimensioni dell’autonomia di base e sociale.

    • DETTAGLI

    Programma

    – Introduzione alla figura professionale
    – Modalità relazionali efficaci con l’utente e la famiglia
    – La predisposizione del Piano di Assistenza Individualizzato
    – Disagio psichico e assistenza
    – Attività ricreative e tecniche di risocializzazione
    – Organizzazione dei servizi assistenziali e la rete dei servizi territoriali
    – L’amministratore di sostegno come figura di protezione delle persone fragili
    – Elementi di primo soccorso
    – Le tecniche per fornire assistenza 

    Scheda del Corso

    TECNICO DELL'ANALISI DEI FABBISOGNI IN CAMPO SOCIALE E DELLA PROGETTAZIONE DI INTERVENTI, SERVIZI SOCIALI E SOCIO-SANITARI

    Il tuo titolo va qui

    Your content goes here. Edit or remove this text inline or in the module Content settings. You can also style every aspect of this content in the module Design settings and even apply custom CSS to this text in the module Advanced settings.

    • DESCRIZIONE

    Partendo dalla lettura del territorio e del contesto socioeconomico in cui opera, è in grado di definire servizi necessari a partire da obiettivi individuati, intercettare fonti di finanziamento pubblici e privati, valutare i requisiti di bandi di gara, avvisi pubblici o privati, opportunità economiche e la fattibilità degli stessi rispetto alle risorse umane e strumentali disponibili. 

    Coordina e realizza l’intero processo di progettazione, avvalendosi di esperti ed eventuali collaboratori portando e redigendo progetti volti ad ottenere l’assegnazione di convenzioni, servizi, incarichi e progetti innovativi relativi a servizi. Predispone anche il sistema di monitoraggio e valutazione e partecipa anche alla predisposizione del budget del progetto. E’ in grado di elaborare progetti da proporre al finanziamento in occasioni di avvisi pubblici collegati alla programmazione comunitaria.

    • DETTAGLI

    TECNICO ALL'ASSISTENZA DOMICILIARE AI MINORI

    Il tuo titolo va qui

    Your content goes here. Edit or remove this text inline or in the module Content settings. You can also style every aspect of this content in the module Design settings and even apply custom CSS to this text in the module Advanced settings.

    • DESCRIZIONE

    Il tecnico dell’assistenza domiciliare ai minori si occupa dell’assistenza ai minori nella vita quotidiana, svolgendo attività di supporto all’elaborazione e alla rimodulazione di un piano assistenziale individualizzato, sostegno alle attività scolastiche e all’inserimento socio-relazionale del minore, rilevazione di situazioni di sofferenza/disagio fisico e relazionale ed indirizzo e supporto alla famiglia del minore. 

    Lavora con contratto di lavoro dipendente, come lavoratore autonomo con contratti di collaborazione o come socio di cooperativa, prevalentemente presso strutture che erogano servizi domiciliari di assistenza e di socializzazione. Opera con livelli di autonomia elevati ed è generalmente esposto a cambiamenti imprevedibili.

    • DETTAGLI

    TECNICO ESPERTO DI COMUNITÀ PEDAGOGICO - RIABILITATIVA PER TOSSICODIPENDENTI

    Il tuo titolo va qui

    Your content goes here. Edit or remove this text inline or in the module Content settings. You can also style every aspect of this content in the module Design settings and even apply custom CSS to this text in the module Advanced settings.

    • DESCRIZIONE

    Il tecnico esperto di comunità pedagogico – riabilitativa per tossicodipendenti promuove il reinserimento nella società delle persone con problemi di dipendenza patologica, svolgendo attività inerenti il supporto alle attività di riabilitazione, la progettazione, gestione e coordinamento di interventi di natura sociale, culturale, educativa e di inserimento lavorativo. Lavora con contratto di lavoro dipendente o come lavoratore autonomo con contratti di collaborazione prevalentemente presso comunità semiresidenziali o residenziali per tossicodipendenti. 

    Opera all’interno di un quadro di istruzioni condivise con l’èquipe (psicologi, assistenti sociali, educatori professionali, ecc.) mantenendo une elevato grado di autonomia per le attività di propria competenza

    • DETTAGLI